Consigli per il perfetto invitato a nozze

 

boda-beso

Cari amici e parenti tutti,

in quanto ospiti di un ricevimento di nozze potrete considerarvi il cuore della festa, contribuirete a rendere unico e indimenticabile il giorno più bello della vita di una coppia. Siete stati invitati dagli sposi a condividere la loro gioia perché ritenute persone care, stimate e indispensabili, e per questo sarà sempre difficile trovare le parole giuste per ringraziarvi.

Ma a volte, sicuramente in maniera inconsapevole e involontaria, potete diventare fastidiosi come un sassolino in una scarpa. Certi che nessuno tra voi ha intenzione di procurare noie agli sposi, magari apprezzerete qualche piccolo consiglio per risultare ospiti educati, piacevoli e divertenti.

– Per prima cosa: la frase presente sulle partecipazioni “è gradita gentile conferma” significa che gli sposi desiderano sapere se sarete presenti e in quanti, questo ha solo fini organizzativi, nessuno intende farsi i fatti vostri. La formula RSVP sta per Répondez, s’il vous plaît (trad. “rispondete per favore”) quindi come sopra.

 

Blablalab: partecipazioni di nozze personalizzate

Le partecipazioni di nozze personalizzate: visita il nostro shop

– Se sull’invito viene indicato esattamente il vostro nome (ad esempio Gent. le Lucia Rossi) non potete estendere la partecipazione a marito, figli, cugini, cognati, nipoti ecc., ecc.. Nel caso in cui viene riportato “Famiglia Rossi” potrete indicare chi prenderà parte al ricevimento.

– Quando farete la telefonata di conferma della vostra presenza (vedi consiglio 1) chiedete se gli sposi hanno predisposto una lista nozze e a quella attenetevi per il vostro regalo, le iniziative personali vi fanno perdere tempo e difficilmente saranno apprezzate, non complicatevi inutilmente la vita.

Foto da www.imujer.com

Foto da www.imujer.com

– Abbigliamento: anche i meno convenzionali si rassegnino all’idea che ogni occasione prevede il giusto abbigliamento, se non siete dei cultori della moda ricordate niente eccessi, basterà un po’ di pudore e sobria eleganza a guidarvi nella vostra scelta.

– Non chiedete di cambiare il vostro posto a tavola, è un disagio per gli sposi e l’organizzazione, non vi state trasferendo lì per il resto dei vostri giorni, potrete resistere qualche ora accanto agli altri commensali: noi crediamo in voi, e anche gli sposi.

Foto da ceentertainment.com

Foto da ceentertainment.com

– I tempi di un ricevimento di nozze sono dettati dalla presenza degli sposi, cioè da chi vi ospita, perciò non si può iniziare il pranzo o il buffet  o la torta senza di loro, immaginate di invitare degli amici a cena a casa vostra e che questi siedano a tavola e inizino a mangiare senza di voi.

– No agli eccessi anche al ricevimento, evitate di ubriacarvi: essere “allegrotti” è un conto ma essere trascinati via perché incapaci di deambulare non è proprio carino.

– Buona norma vuole: mai lasciare il ricevimento prima del taglio della torta, sicuramente non sgattaiolate via, ma salutate gli sposi prima di lasciare la festa.

Infine divertitevi: i matrimoni sono una piacevole opportunità per mettersi in tiro, rivedere amici che non vedevate da tanto, per staccare dalla routine e per festeggiare persone care, e molti sostengono che sia anche l’occasione giusta per fare piacevoli incontri. Fateci sapere!

Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *