Storia del matrimonio: abiti da sposa e da sposo

sposi

Gli abiti degli sposi non erano molto diversi da quelli di oggi.

Vestito bianco per la sposa, oppure color panna nel caso in cui si era ricorsi alla “fuitina”. Era meno fastoso e appariscente di quelli di oggi, rigorosamente con il velo o un diadema più o meno elaborato. Si utilizzava l’organza, il raso e la seta.

DSC_6575

A volte si riciclava l’abito di un’amica o di una sorella o cugina che avesse la stessa taglia. Altre volte veniva invece cucito su misura  da esperte sarte (gna marra Caterina e frinciuvese, gna marra a Policarrise, ed altre). Queste vere e proprie stiliste, gestivano laboratori di sartoria dove lavoravano stuoli di ragazze che apprendevano il mestiere, erano capaci di personalizzare e curare  l’abito nei minimi dettagli impreziosendolo con pizzi, ricami applicazioni di perline, tanto da farne dei veri capolavori.

L’abito dello sposo blu o grigio, con camicia bianca o azzurra e cravatta intonata.

Potrebbero interessarti anche:

Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *