Abito da sposa: primo appuntamento con Liviana Mirarchi

liviana mirarchi5


Perfetto siete preparate: avete sfogliato centinaia di cataloghi, visitato un numero incalcolabile di siti web e gallerie fotografiche, e ora? Non restate lì impalate, il vostro vestito non si materializzerà per magia, né tanto meno salterà fuori dallo schermo. L’elemento più importante del giorno delle vostre nozze, l’indiscussa icona del matrimonio va scelta con cura e pazienza, per cui la prima cosa da fare è fissare un appuntamento con il vostro atelier di fiducia.

E ad ogni primo appuntamento che si rispetti bisogna andare ben preparate. Per voi abbiamo chiesto qualche consiglio a chi sa come interpretare i desideri delle proprie clienti e prova a realizzarli.

 Liviana Mirarchi di primi appuntamenti ne ha visti tanti.

“Le ragazze arrivano in atelier con il loro carico di aspettative e di emozioni che accompagna la scelta dell’abito da sposa; proprio per questo non può essere un acquisto come un altro.”

 


liviana mirarchi4


E allora come prepararsi al primo appuntamento per la scelta dell’abito da sposa?

“Una cosa importante è quella di arrivare in atelier con un’idea di massima, certo, ma niente chiusure mentali. L’abito perfetto lo si riconosce una volta indossato, può succedere che l’abito di cui ci si è innamorate sulla rivista non sia quello che fa scattare la scintilla una volta che lo si prova. Inoltre è consigliabile scegliere l’abito contestualizzandolo al tipo di ricevimento che si sta programmando: per esempio se si sta organizzando una festa tra pochi intimi dal tono rilassato e informale, un vestito principesco dai grandi volumi e ricco di dettagli rischierebbe di sembrare fuori luogo, di contro è bene tener conto nella scelta del proprio abito se si è deciso di dare un ricevimento con un buon numero di ospiti, che magari preveda una celebrazione religiosa nella nostra bellissima Abbazia Florense (San Giovanni in Fiore, CS) e in cui si lasci fare la sua parte all’etichetta.”

 


liviana mirarchi2


Alla prova del vestito da sposa si viene tendenzialmente accompagnate. Come scegliere l’entourage della sposa?

“Consiglio sempre alle ragazze di venire alla prima prova del vestito accompagnate dalle poche persone di cui ci si fida. Chi accompagna la sposa ha il ruolo di rassicurarla oltre a quello di consigliarla, troppe persone possono creare un’inutile confusione nella scelta. D’altronde comunicare con le accompagnatrici è compito di chi in atelier gestisce l’appuntamento, l’obiettivo comune deve essere quello di realizzare i desideri della sposa, senza prevaricazioni da parte di nessuno, a me piace creare il giusto clima affinché sia così.”

Nota dolente: il budget.

“Il budget non deve essere motivo di imbarazzo per la sposa, so bene che spesso non è la sposa a pagare per questo acquisto, ma che sia così o meno, ho l’abitudine di permettere che venga dichiarato il proprio budget prima dell’inizio dell’appuntamento, in maniera privata. In atelier, io o le mie assistenti sappiamo riconoscere il momento giusto”.

 


D’altronde è risaputo: dichiarare il proprio budget è un buon punto di partenza, l’abito giusto dipenderà anche da quello, inutile provare un abito che non si può comprare. SìlaSposi consiglia, per ovviare al problema, di affidarsi ad atelier in cui il budget non sia limitante: da M&P Liviana Mirarchi, ad esempio, potrete trovare una selezione di modelli che riduce davvero al minimo le possibilità di non trovare il vestito perfetto, godendo, tra l’altro, del miglior rapporto qualità/prezzo che possiate aspettarvi. Da Pronovias a San Patrick, da Nicole a Colet e ancora Alessandra Rinaudo, Madeline Gardner, Venus e Fiorinda Couture di Carlo Pignatelli e tutto in un solo atelier.


liviana mirarchi1

Qualche consiglio pratico per il primo appuntamento?

“È bene indossare calze e biancheria intima chiare, magari portare reggiseno senza spalline per agevolare l’eventuale prova di abiti che lascino le spalle nude. In atelier forniamo scarpe con il tacco di prova, ma per sentirsi totalmente a proprio agio può essere utile portare un proprio paio di scarpe alte.”

Accessori: come sceglierli?

“Per quanto riguarda gli accessori è bene lasciarsi consigliare da chi lavora in atelier, in modo da fare gli abbinamenti più adeguati. Gli accessori devono impreziosire l’abito, senza stravolgerlo. A volte, possono essere un valido supporto alle richieste dell’etichetta: in chiesa, ad esempio, dove si richiede di non essere troppo scollate il velo diventa il giusto alleato per non rinunciare a modelli che prevedano per esempio spalle o schiena nude.”


liviana mirarchi7

Infine qualche consiglio per lui.

“Lo sposo dovrà tenere in considerazione la scelta della sposa per non essere da meno né essere eccessivo rispetto alla partner. Inutile pensare ad un tight se lei ha scelto un abito minimal.”  

Un consiglio SìlaSposi: scegliere l’abito delle nozze è un momento significativo, che dovrà essere ricordato con un sorriso. Le prove dell’abito possono essere un’occasione per prendervi del tempo per voi stesse e staccare un po’ dai tanti impegni che accompagnano l’organizzazione delle nozze, in compagnia delle persone giuste, e magari fantasticare sulla reazione del vostro sposo quando aspettandovi all’altare vi vedrà entrare e darete finalmente inizio alla vostra vita insieme.


liviana mirarchi3

M&P Liviana Mirarchi è in Via Matteotti, 91  a San Giovanni in Fiore (CS) – Tel. 0984 970429

Visita il sito: www.meplivianamirarchi.it
M & P Liviana Mirarchi è partner Silasposi.
Scopri l’offerta riservata ai nostri sposi!

Share

Commenti

  1. Alessia Moroni Dice: maggio 24, 2016 at 7:28 pm

    Grazie per questi preziosi consigli, sono molto utili… Io mi sposo tra due anni, precisamente a Settembre 2018, ma ho già fatto diverse prove ed ho trovato l’abito dei miei sogni, perfetto per me.. E non ci ho pensato due volte, l’ho fermato con un acconto ed ora lo pagherò a piccole rate… L’atelier è ottimo e sono stati davvero gentilissimi con me, mi sono venuti molto incontro… Dopodomani ho una seconda prova del mio abito e poi le prove ufficiali quando sara’ ora di aggiustarlo… Ci sono piccoli lavori che dovrà fare la sarta… Secondo voi ho sbagliato a scegliere l’abito così presto? Io mi sento felicissima perché è proprio quello che volevo per me…

    • Alessia Moroni Dice: maggio 25, 2016 at 4:12 pm

      Alla fine io ed il mio compagno abbiamo fissato la data del nostro matrimonio per Domenica 3 Settembre 2017, non nel 2018 e sono felicissima!!! Quindi ho fatto bene a scegliere ora il mio abito da sposa e ne vado fiera perché è bellissimo, stupendo, molto romantico e meraviglioso… Sarà una bella cerimonia in Chiesa… Nella Cattedrale della mia città che è anche la mia Parrocchia… Che meraviglia!!! Sto già facendo i salti di gioia!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *