Collezioni sposa 2017: è ora di scegliere l’abito

Siete pronte ragazze? Il momento migliore per scegliere il vostro abito da sposa è…ora!

Io e Annarita, da buone wedding planner, siamo state a vedere con i nostri occhi cosa vi aspetta in Atelier. Veramente cosa Ci aspetta: nel nostro lavoro nulla deve essere lasciato al caso, per questo per consigliare al meglio le nostre clienti siamo sempre sintonizzate con tutto il mondo wedding.

 

Ma dobbiamo ammetterlo il “momento abito” è anche per noi uno dei più entusiasmanti. Dalle passerelle di tutto il mondo la moda sposa è ora pronta a vestire i vostri sogni e chi meglio di Liviana Mirarchi (Bridal Stylist della boutique M&P) per parlare delle tendenze 2017Liviana come poche sa raccontare le esigenze della sposa, crea la giusta atmosfera, prepara il campo alla scelta di un abito che non è e non sarà mai un abito qualsiasi.  Ed ecco perché è punto di riferimento ormai da anni per tantissime di Voi future spose e per noi wedding planner. 

 post_silasposi

Nel suo bellissimo spazio sposa abbiamo visto i modelli della nuova collezione. Ebbene sì, preparatevi: quello che vi attende è una selezione varia, raffinata, elegante, preziosa ed emozionante che vi lascerà senza fiato.

 

Per rendere meglio l’idea facciamo un piccolo viaggio tra alcuni marchi bridal, che sicuramente non vi saranno nuovi.

La holding mondiale presenta una collezione di oltre 650 modelli. Una varietà tale che garantisce la possibilità di incontrare i gusti di tutte le clienti. Comune denominatore: fascino indiscutibile!

La collezione 2017 porta la firma del nuovo direttore creativo, lo stilista francese Hervé Moreau, che ha saputo imprimere il suo gusto molto europeo senza tralasciare i capisaldi del marchio spagnolo. Spazio alle silhouette femminili e sensuali: gli abiti apparentemente minimalisti sono avvolgenti e presentano dettagli che preziosi e sofisticati, per esaltare la figura femminile. Moreau porta nella collezione l’utilizzo del doppio crepe tessuto che mancava da diverso tempo nella moda sposa ma che ritorna in una versione molto più confortevole. Maniche lunghe e effetto tatoo che tanto è stato apprezzato nelle precedenti collezioni.

Pizzo: rebrodé, pizzo spagnolo per eccellenza, ovviamente immancabile, e chantilly dalla Francia per l’allure portata proprio dallo stilista francese. E poi il mikado, da tempo tra i tessuti principali utilizzati da Pronovias, scelto tra l’altro per vestire l’infanta di Spagna.

Il marchio italiano, grazie al lavoro della sua direttrice creativa Alessandra Rinaudo (già intervistata per voi da Silasposi) di anno in anno acquisisce maggio prestigio nel panorama mondiale della moda sposa. In genere la caratteristica di questo marchio è quello di avere un’impronta molto romantica e anche quest’anno  non delude le aspettative. La collezione è eterea, fresca e giovane, presenta modelli che giocano con effetti di colore pastello, sempre molto ben dosati, eleganti e raffinati.

L’apertura internazionale di Nicole ha probabilmente ispirato Alessandra Rinaudo nella scelta di dare spazio nelle sue collezioni ad una sposa che vuole essere più sensuale: e quindi ecco dei modelli a sirena, con inserti effetto tatoo e ricami in pizzo italiano, per ricevimenti nuziali in stile gran galà.

Gli abiti Nicole spose offrono anche tante soluzioni trasformabili: via la coda e l’abito da cerimonia diventa un abito da sera,  la gonna si trasforma e diventa corta per permettere alla sposa di scatenarsi in pista. Per una sposa che vuole stupire e godersi fino in fondo il suo grande giorno.

Questo marchio porta in tutto e per tutto lo stile della sua direttrice creativa Madeline Gardner, giovane newyorkese, che dà alla collezione questo sapore in stile red carpet, tipico americano.

Quindi i ricami sono importanti, gli inserti preziosi in Swarovski per dare un costante richiamo al party style tipico di questo marchio. Spazio anche ai colori pastello, dal rosa tenue ad un color oro appena accennato, che danno personalità e fascino all’abito ma senza mai appesantire, mantenendo comunque un effetto sposa raffinato.

In Mori Lee sono presenti anche tanti abiti in chiffon, tessuto leggero e svolazzante ideale per le cerimonie all’aperto soprattutto in spiaggia, che in America spopolano.

Lo stilista turco è molto quotato all’estero, soprattutto in campo cinematografico, esprime una collezione dall’animo orientale, per le spose che non vogliono passare inosservate. Le decorazioni particolarissime dei corpetti, impreziositi da cristalli, sono ispirate alla ricchezza della cultura turca influenzata dalla modernità cosmopolita di Istanbul e si abbinano perfettamente alle sete preziose.

Eleganza e glamour si esprimono con i modelli molto sensuali, che avvolgono come un guanto le forme femminili, che giocano con le trasparenze.

Un ultimo consiglio ancora: se siete quel tipo di persona che non si lascia influenzare dalle superstizioni  vi ricordiamo che novembre è il mese perfetto per godervi l’appuntamento con il vostro abito.

E ora? Ora telefonate in Atelier!

Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *